La legge e' uguale per tutti e' una bella frase che rincuora il povero, quando la vede scritta sopra le teste dei giudici, sulla parete di fondo delle aule giudiziarie; ma quando si accorge che, per invocar la uguaglianza della legge a sua difesa, e' indispensabile l'aiuto di quella ricchezza che egli non ha, allora quella frase gli sembra una beffa alla sua miseria. Piero Calamandrei, 1954

È scomparsa la proposta che criminalizza la torturaLeggi. Non c’è traccia alla Commissione giustizia- Patrizio Gonnella

Meglio pagare piuttosto che fare una legge contro la tortura. Scompare dai lavori parlamentari la proposta di legge che criminalizza la tortura. Desaparecida. Non c’è traccia all’ordine del giorno della Commissione Giustizia del Senato. Era il 9 aprile 2015 quando la Corte Europea dei diritti umani nel caso Cestaro (torturato alla Diaz) nel condannare l’Italia stigmatizzava l’assenza del crimine di tortura nel codice penale italiano. Renzi aveva promesso che la risposta italiana alla Corte di Strasburgo sarebbe stata la codificazione del reato. Da allora è accaduto qualcosa di peggio che il consueto niente.

continua a leggere su il manifesto

OXFAM, ASGI, A BUON DIRITTO: “Negli hotspots gravi violazioni dei diritti dei migranti”

Depositata il 10 dicembre 2015 un’interrogazione parlamentare dal Presidente della Commissione diritti umani del Senato, Luigi Manconi.Le tre organizzazioni chiedono al Governo chiarimenti in merito alle procedure di trattenimento, identificazione e registrazione delle domande d’asilo dei migranti appena sbarcati, adottate nel Centro di Primo Soccorso e Accoglienza di Pozzallo in provincia di Ragusa.
continua qui

Processo al giornalista Antonio Mazzeo per la querela del Sindaco di Falcone: Il Tribunale di Patti ha deciso la propria incompetenza territoriale in favore del Tribunale di Messina.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ieri, nel processo che vede il giornalista Antonio Mazzeo accusato di aver offeso il Comune di Falcone, il Giudice Monocratico Dott.ssa Rita Sergi ha pronunciato sentenza per accogliere l’ eccezione di incompetenza territoriale sollevata dal difensore Avv. Carmelo Picciotto ed ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura della Repubblica del Tribunale di Messina ritenendo applicabile nel caso di specie la regola dell’art. 9 cpp comma 2 che in difetto di altri criteri certi stabilisce che il foro competente sia quello del Tribunale dove l’imputato risiede, dimora o ha domicilio.