Sfratti Illegali

(da il Manifesto del 21 agosto 2014) 

Sfratti illegali

Siamo a circa 10 mesi dall’entrata in vigore dell’articolo 6 comma 5 della legge 124/2013. Siamo a tre mesi dall’approvazione dei decreto attuativo 14 maggio 2014 del ministero delle infrastrutture relativo all’articolo 6 comma 5 della legge 124/2013. Siamo a un mese dalla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dei decreto attuativo dell’articolo 6 comma 5 della legge 124 del 2013. I sopra citati articoli di legge dicono che i comuni ad alta tensione abitativa devono fare l’elenco delle famiglie con morosità incolpevole (i requisiti sono nel decreto attuativo) e fornirlo ai prefetti che devono graduare gli sfratti (disposizione dell’articolo 6 comma 5). I Comuni inoltre devono fare accompagnamento sociale per le famiglie con sfratto per morosità incolpevole o verso un nuovo contratto a canone agevolato o verso una casa popolare. Ogni giorno in Italia si eseguono 140 sfratti, il 90% sono per morosità incolpevole. Mentre i comuni dormono sonni tranquilli e sindaci, prefetti e assessori «riposano» in ridenti località, gli .sfratti eseguiti quotidianamente di famiglie con sfratto per morosità incolpevoli sono di diretta -loro responsabilità. In Italia fino ad oggi sono stati fatti gli elenchi delle famiglie con sfratto per morosità incolpevole solo dal Comune di Pisa e dai comuni della provincia, nella provincia di Pisa il Prefetto è l’unico in Italia che ha sospeso gli sfratti. Sindaci, Assessori, Prefetti che ogni giorno straparlate di legalità quando applicherete

una legge dello Stato? Da almeno. 30 giorni nell’illegalità ci siete voi. Purtroppo la vostra illegalità è la strada per tanti sfrattati: vergognatevi!

Massimo Pasquini, Unione inquilini di Roma e dei Lazio
—-

Per ulteriori informazioni sulla procedura per la graduazione degli sfratti contattare lo Studio per un colloquio senza impegno e gratuito.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.